Prima Divisione: Ritorno in Linea di Galleggiamento

  • 8 Marzo 2022
  • Federico Agostini
  • 163 Views
vs

Ritorno alla parità tra vittorie e sconfitte stagionali per la nostra Prima Divisione, che affronta e supera di slancio l’ostacolo Vigonza nell’ultima trasferta della prima fase, nonostante l’esiguo numero di atleti in lista R, soltanto 8, dovuto agli ormai abituali infortuni e malanni di stagione, nonché all’indisponibilità degli Under 17, impegnati la sera prima nel loro campionato.

Emblematico l’avvio della gara: i padroni di casa segnano, con Sanguin, il canestro del 2 a 0, unico loro vantaggio della serata, la cui durata è pari a quella del proverbiale battito di ciglia. La rimessa che segue, infatti, è un lancio lungo che pesca Galligioni solo soletto nella metà campo avversaria, per un comodo appoggio al vetro che vale l’istantaneo pareggio. Da quel momento in poi i nostri ragazzi, trainati dal trio di esterni Ricchiuti-Bassi-Galligioni, che a fine serata scriverà a referto ben 48 pezzi, assumono il controllo delle operazioni e allungano in modo progressivo, senza mai concedere agli avversari alcuno spiraglio che faccia loro sperare in una possibile rimonta. Ad onor del vero, dopo aver toccato il -15 (16 a 21) a metà del secondo quarto, i Vigontini, sfruttando un black-out del nostro attacco nei minuti in cui il quintetto base rifiata in panchina, provano a riaprire la contesa e piazzano un piccolo controbreak, che riporta il divario sotto la doppia cifra al suono della sirena di metà gara. Ma è solo una scintilla perché, alla ripresa del gioco, Ricchiuti e compagni tornano a galoppare e, questa volta, trovano davanti a sé intere praterie, sulle quali scorazzare liberamente. La maggior attenzione difensiva tarpa le ali all’attacco dei padroni di casa, che nei secondi venti minuti riesce a raggranellare solo 14 punti, mentre la spinta offensiva degli esterni, a cui si aggiunge Rusmini, autore di un buon secondo tempo, garantisce una discreta produttività offensiva. Mettendo a segno un parziale di 33 a 8 tocchiamo il massimo vantaggio di giornata (+34, sul 32 a 66), dopo di che rallentiamo e ci limitiamo a controllare, chiudendo a +30.

Non neghiamo di essere piacevolmente sorpresi da questa schiacciante vittoria. Viste le recenti difficoltà e il depauperamento del roster era lecito attendersi una gara più combattuta, ma bisogna riconoscere ad alcuni elementi, naturalmente quelli che hanno saputo dare maggior continuità in allenamento, di aver fatto importanti passi in avanti negli ultimi mesi. Oltre ai già citati Bassi, Galligioni e Ricchiuti, vanno menzionati anche Nyaba, che a Vigonza si è distinto per la solerzia con cui è stato capace di pulire i tabelloni, soprattutto nella metà campo difensiva, e Bortolazzo, a cui va riconosciuto l’impegno, sebbene non ancora coronato da grandi risultati.

Il prossimo impegno vedrà i nostri portacolori tornare tra le mura amiche della Davila, martedì 8 marzo, per l’incontro con la Pallacanestro Limena. Si tratterà della penultima gara della prima fase ed un’altra, ottima occasione per tanti nostri giovani, che potranno ulteriormente arricchire il proprio bagaglio esperienziale. Come recita il proverbio, infatti, non si smette mai di imparare (fortunatamente).

Prua a mare, sempre! Forza Arcella!!


Parziali: 11-24, 13-9 (24-33); 6-21 (30-54), 8-14.

VIGONZA: Zanardo 2, Mandara 2, Bonsembiante 6, Bettin [K] 8, Sanguin 2, Brigo 4, Scek Usman 11, Favaro, Gobbo 3, Vadalà. Capo All.: Rigon.
ARCELLA: Bassi G. 16, Ricchiuti [K] 13, Rusmini 11, Bortolazzo 2, Cozzi, Ndongo, Nyaba 7, Galligioni 19. Capo All.: Baraldo.
ARBITRO: Silvestri di S. Martino di Lupari (PD).

Tiri Liberi: Vigonza 0/4, Arcella 14/19.
Tiri da 3: Vigonza 2 (Gobbo 1, Scek Usman 1), Arcella.
Falli di squadra: Vigonza 16, Arcella 8.
Usciti per falli: nessuno.
Falli tecnici: nessuno.
Espulsioni: nessuna