Prima Divisione: la linea verde paga

  • 14 Febbraio 2022
  • Federico Agostini
  • 221 Views
vs

Dopo quasi due mesi di pausa imposta dalla precaria situazione sanitaria, la nostra Prima Divisione si ripresenta con tante assenze, dovute ai motivi più svariati, e tanti volti nuovi, per lo più reclutati dal settore giovanile. Sono, infatti, ben cinque gli Under 17 convocati per la partita contro i Raptors: i 2005 Barzazi, Giolo, Mucolli e Scomparin e il 2006 Tobia Bassi.

Un prepartita turbolento, segnato da qualche problemuccio tecnico alle prese di corrente che di norma alimentano il tabellone segnapunti, attenua l’emozione per l’ennesimo ritorno alle competizioni consumato nell’ultimo biennio. Si fa giusto in tempo a trovare una soluzione accettabile, che l’arbitro Gorza alza la palla a due e le due squadre si trovano catapultate nel vivo del gioco. Le novità, purtroppo, si fermano qui, perché il solito inizio stentato delle due formazioni riporta gli atleti ed i pochi presenti (la gara si gioca ancora a porte chiuse a causa delle disposizioni Comunali) con i piedi per terra. Nei primi minuti di gioco mani ibernate e percentuali di tiro da grande depressione ridanno corpo allo spauracchio della solita partita a basso punteggio, destinata ad assumere progressivamente la forma dello psicodramma con l’avvicendarsi dei quarti; fortunatamente per le coronarie degli staff tecnici, tuttavia, questa volta le cose vanno diversamente e, quando la tensione che attanaglia inizialmente le squadre si scioglie, i giocatori iniziano ad imbucare palloni con discreta continuità, trasformando l’incontro in una godibile kermesse.

I primi 15 minuti rappresentano l’ideale continuazione della gara di andata, nella quale i Mestrinesi si imposero piuttosto nettamente: Meneghini e compagni partono di gran carriera, chiudono il primo periodo avanti di 4 e registrano il massimo vantaggio attorno alla metà della seconda frazione, quando il divario raggiunge i 10 punti (21 a 31). A differenza di quanto accaduto durante la partita di andata, tuttavia, si verifica a questo punto un primo cambio di scenario, che inverte l’inerzia, fino ad allora favorevole agli ospiti, e si traduce in un piccolo break a nostro favore. Trainati da Ricchiuti e Bassi, che realizzano 8 degli ultimi 12 punti segnati dalla squadra nel quarto, i ragazzi di Baraldo e Costantini ricuciono, infatti, lo strappo e concludono i primi venti minuti sul -5 (33 a 38). Il secondo scossone avviene proprio durante i 10 minuti di intervallo, al termine dei quali è evidente che i padroni di casa rientrino in campo con una marcia in più. I valori appaiono ora ribaltati, con i nostri a fare il ritmo e gli avversari in difficoltà nel tentativo di restare in scia; il sorpasso si concretizza nella seconda metà del terzo periodo, dopo un parzialino di apertura che riporta il punteggio quasi in parità (39 a 40), e si consolida in quello successivo, nel quale il nostro vantaggio si espande sempre più, con il passare dei minuti, fino ad attestarsi sul conclusivo +7. Emblematico del convincente crescendo sfoggiato da Ricchiuti e compagni nei secondi venti minuti è l’episodio dell’affondata a una mano con cui Nyaba mette a referto il sessantatreesimo punto, che galvanizza i compagni della panchina ed in particolare Zavattiero, strepitosamente reattivo nello scattare in piedi ed esultare in perfetto stile NBA.

In sunto, la quarta vittoria su otto partite disputate dalla nostra seconda squadra senior testimonia di una crescita palpabile di diversi giocatori. Preso atto della serata di grazia di capitan Ricchiuti e Giovanni Bassi, quest’ultimo letteralmente dominante a rimbalzo, sotto entrambe le plance, c’è da rallegrarsi anche per le prestazioni di Nyaba, che per la prima volta in questa stagione raggiunge la doppia cifra realizzativa, e degli Under 17, che hanno fornito energia ed entusiasmo al gruppo per tutti i 40 minuti. Quest’ultimo dato è particolarmente significativo in prospettiva, guardando non solo al futuro lontano, dal momento che già la prossima settimana il calendario gare metterà la nostra Prima Divisione di fronte ad un programma alquanto impegnativo, che la vedrà opposta per ben due volte in 48 ore alla medesima squadra, la compagine Cittadellese dei Brenta Gunners. La freschezza e il vigore dei ragazzi del 2005 e del 2006 saranno certamente d’aiuto e di sprone per i giocatori più esperti, ai quali Baraldo e Costantini chiederanno di fungere da chioccia, nella consueta ottica del sostegno reciproco.

Segnatevi, quindi, i prossimi appuntamenti della nostra squadra JV (Junior Varsity, secondo la nomenclatura delle scuole superiori USA): martedì 15 febbraio in casa contro i Gunners e giovedì 17 febbraio a Santa Croce Bigolina, sempre contro i Gunners; un doppio scontro che ricorda molto le serie play-offs e che fornirà, di conseguenza, spunti interessanti a giocatori e staff tecnico. Prua a mare, sempre! Forza Arcella!!


Parziali: 17-21, 16-17 (33-38); 18-10 (51-48), 17-13.

ARCELLA: Zavattiero 2, Scomparin, Barzazi 2, Bassi T. 2, Bassi G. 17, Giolo, Ricchiuti [K] 17, Mucolli 7, Nyaba 10, Ndongo, Galligioni 11. Capo All.: Baraldo. 1° Ass.: Costantini.
RAPTORS: Beci 2, Schiavon 6, Nicolè 6, Pandolfo 5, Riello 2, Meneghini [K] 17, Lollo 5, Gambalonga 12, Orlando 2, Spatolisano 4, Grandini n.e.. Capo All.: Fiorotto.
ARBITRO: Gorza di Padova.

Tiri Liberi: Arcella 18/27, Raptors 15/23.
Tiri da 3: Arcella 0, Raptors 4 (Gambalonga 2, Meneghini 2).

Falli di squadra: Arcella 21, Raptors 22.
Usciti per falli: nessuno.
Falli tecnici: nessuno.
Espulsioni: nessuna