Prima Divisione: casa, dolce casa

  • 3 Novembre 2021
  • Federico Agostini
  • 306 Views
vs

Seconda partita stagionale, prima in casa per la nostra Prima Divisione, che nella palestra Davila di Torre ospita il Vigonza guidato dalla vecchia conoscenza del nostro staff, coach Dario Rigon.

Il campo, poiché per la nostra società si tratta del debutto alla Davila, non è, comunque, l’unica novità di giornata: il roster è stravolto rispetto alla gara di Noventa, con il rientro di Ndongo e l’aggiunta di tre Under 17, Francia, Giolo e Scomparin, a sostituire l’assente Zavattiero e gli “healthy scratches” Bortolazzo e Nyaba.

Diverso è anche l’approccio dei nostri ragazzi alla partita, rispetto all’esordio in campionato. Dopo un’iniziale fase di studio, infatti, Ricchiuti & co. prendono decisamente il largo, sfruttando da un lato la buona propensione al contropiede, dall’altro una certa mancanza di organizzazione e precisione degli ospiti, che uniscono una cospicua quantità di palle perse, generata dalla pur non eccelsa difesa Arcellana, ad uno stillicidio di errori in fase conclusiva. Morale della favola, la nostra ottima uscita dai blocchi di partenza produce un primo parziale di 13 a 1, ispirato dai canestri di Galligioni e Gallo, che successivamente si consolida, attestandosi sul 21 a 7 con cui le due squadre chiudono il periodo iniziale.

La musica cambia nel secondo e terzo quarto, in maniera esattamente inversa a quanto si era visto a Noventa, quando riuscimmo a rimontare proprio nelle frazioni centrali. I cambi decisi dal duo Baraldo-Costantini in apertura di secondo periodo si rivelano poco efficaci: l’intensità e l’attenzione difensive scemano, di conseguenza gli ospiti, trascinati dal
cecchino Bordeianu, autore di 11 dei 20 punti totali realizzati dai Vigontini nel parziale, iniziano una progressiva risalita.

Ma proprio qui inizia a manifestarsi il leitmotiv di giornata, una sorta di riedizione dello strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde che coinvolge, secondo il classico schema del rimpiattino, entrambe le squadre. In pratica si passa rapidamente da una situazione in cui Vigonza sembra in controllo della gara e in grado di serrare sotto, che si verifica puntualmente nella prima metà di ciascuno dei due quarti centrali, alla sua esatta controparte, in cui sono i nostri ragazzi a riprendere le redini dell’incontro e riallungare nei minuti finali dei due periodi.

Così, nella seconda frazione gli ospiti dapprima si riportano a -5, ma poi vengono ricacciati a -10 prima dell’intervallo lungo, mentre nella terza riescono addirittura ad arrivare in vista del pareggio a quota 41 (41 a 40 per noi, dopo l’ennesimo canestro di Bordeianu), ma dopo un provvidenziale time-out della nostra panchina vengono nuovamente respinti da un parziale di 11 a 2, ispirato da Bassi e Ricchiuti, che ristabilisce la doppia cifra di divario al termine del quarto.

L’andamento degli ultimi dieci minuti di partita non tradisce, almeno in parte, lo schema già visto nei due periodi precedenti. Vigonza non molla e tiene aperta la partita, ma Ricchiuti e compagni rispondono colpo su colpo, mantenendo un vantaggio sempre superiore al singolo possesso. Nell’estremo tentativo di riacciuffare una gara che ha ormai preso la via dell’Arcella, i Vigontini si affidano, nelle ultimissime battute, ancor più al tiro dalla lunga distanza, ma con scarsi risultati: la mamma ha già buttato la pasta e i nostri ragazzi si impongono senza soffrire troppo nel finale, guadagnando la prima, meritata, W stagionale.

Considerazioni finali: buona prestazione, sebbene sull’economia della gara abbia pesato una partenza da tregenda dei nostri avversari. Buono anche l’esordio degli Under 17, che nonostante l’emozione per il debutto in una categoria senior si sono dimostrati capaci di tenere dignitosamente il campo, cosa importante in ottica futura, poiché il loro contributo dovrà essere sempre maggiore. Resta, per tutti, la necessità di proseguire il lavoro in palestra per migliorare l’esecuzione tecnica dei movimenti, individuali e collettivi, ma anche l’intesa con i compagni.

Prossimo appuntamento con la nostra giovanissima (contro Vigonza età media 18 anni, non tenendo conto del veterano di mille battaglie, capitan Ricchiuti) Prima Divisione fissato per martedì 9 novembre alle 21:30, sul campo della palestra Alpi di Limena.

Prua a mare, sempre! Forza Arcella!!


ARCELLA: Zoleo 4, Ortolani, Ricchiuti [K] 17, Scomparin 2, Natale 2, Bassi G. 10, Galligioni 14, Giolo, Francia, Cozzi 6, Gallo 12, Ndongo 2. Capo All. Baraldo; 1° Ass. Costantini.

VIGONZA: Mandarà 3, Jimenez Ramirez 2, Bettin 2, Sanguin 16, Brigo 3, Ferrari 2, Favaro 2, Gobbo, Bordeianu 24, Marcato [K] 4. Capo All.: Rigon.

Arbitro: Cavinato di Limena.

Parziali: 21-7, 16-20 (37-27); 15-15 (52-42), 17-16.

Tiri liberi: Arcella 16/24, Vigonza 6/10.
Tiri da tre: Arcella 1 (Cozzi), Vigonza 6 (Bordeianu 5, Mandarà 1).

Falli di squadra: Arcella 12, Vigonza 17.
Usciti per falli: nessuno.
Falli tecnici: nessuno.
Espulsioni: nessuna.