Hangar Games e Torneo Italo-Americano chiudono la stagione

  • 12 giugno 2019
  • Pallacanestro Arcella
  • 163 Views

11/06/19

Con gli ormai tradizionali “Hangar Games”, giunti quest’anno alla loro terza edizione, si è quasi completamente chiusa la stagione della Pallacanestro Arcella. Incastonata nel programma della Festa dello Sport, la nostra 30 ore di basket, che si inserisce nel filone delle maratone cestistiche reinterpretandone i contenuti, ha visto quest’anno alternarsi sul campo della Barion tutte le nostre squadre, impegnate in una serie di sotto-eventi che hanno idealmente rappresentato i titoli di coda dell’anno sportivo.

In una kermesse cestistica “sui generis”, si sono passati il testimone partite ufficiali, amichevoli, concentramenti minibasket, tornei, gare e perfino la proiezione dell’avvincente gara-6 della semifinale NBA tra Toronto Raptors e Milwaukee Bucks, che ha intrattenuto pochi, fortunati “highlanders” per buona parte della nottata a cavallo tra sabato 25 e domenica 26 maggio.

Come anticipato sopra, però, questa volta gli Hangar Games non hanno esattamente messo la parola fine alla stagione sportiva. Chiusa la 30 ore, infatti, i nostri atleti e il nostro staff hanno proseguito imperterriti con altre due settimane di allenamenti che hanno condotto alla festa di fine anno dell’U.S.A. di domenica 2 giugno, alla quale la Pallacanestro Arcella (che, lo ricordiamo, è una delle tre sezioni della polisportiva) ha partecipato con una massiccia delegazione, e al Torneo Italo-Americano Under 18, giocatosi venerdì 7 e sabato 8 giugno nel bellissimo Fitness Center della caserma Ederle, a Vicenza.

Quest’ultimo evento ha rappresentato una novità nel nostro programma agonistico e ha di fatto sostituito il torneo di Vienna, a cui, purtroppo, quest’anno non abbiamo partecipato. Si è trattato, indubbiamente, di una due giorni molto interessante, sia sotto il profilo culturale, dal momento che ci ha permesso di visitare la base militare americana di Vicenza, sia a livello sportivo, poiché ha opposto la nostra squadra Under 18, per l’occasione rinforzata dall’ex Giacomo Cecchinato, ad avversari decisamente superiori rispetto a quelli incontrati durante la stagione appena conclusa (in particolare i pari età di Isola Vicentina e della selezione americana). Scaturita dalla collaborazione con l’amico Ighor Reghellin e con l’allenatore Jeffrey Craig, referente della base americana, la nostra partecipazione al 4° torneo Italo-Americano si è quindi dimostrata, sotto tutti i punti di vista, un’ottima esperienza, che ha permesso ai nostri ragazzi di estendere le proprie conoscenze, cestistiche e non, e al nostro staff di fare alcune valutazioni riguardo alla prossima stagione e al lavoro svolto finora.

Possiamo dire di essere giunti alla degna conclusione del nostro lungo anno di pallacanestro? Certo, almeno per quanto riguarda l’attività agonistica pianificata. A partire da lunedì 10 giugno, infatti, si è aperta la stagione del campetto e dei vari camp organizzati dal nostro staff, che ha esordito con l’Arcella City Camp, mini-camp cittadino che dà la possibilità a grandi e piccoli di giocare e migliorare i propri fondamentali, allenandosi tutti i giorni in palestra Barion sotto la guida dei nostri allenatori e nel segno del classico motto Petersoniano, “l’estate è la stagione del miglioramento tecnico”.

Con l’augurio che questa estate sia piena di relax, divertimento e, naturalmente, pallacanestro, vi diamo appuntamento nel solito, caro, vecchio posto… la palestra. E’ tutto, gente!