Under 16: bicchiere mezzo pieno, dati gli imprevisti

  • 16 maggio 2019
  • Federico Agostini
  • 126 Views

UNDER 16 – 12/05/19

IN’S MERCATO U.S. ARCELLA 31

VALLE AGNO 47

Probabilmente abbiamo sperimentato tutti, fin dai tempi in cui da bambini giocavamo a Monopoli, come gli imprevisti possano far deragliare la migliore delle partite. Nello sport l’imprevisto fa parte del gioco e spesso incide in modo significativo sulla prestazione, di solito causandone un peggioramento, dato che un atleta o una squadra, per quanto ben preparati, difficilmente possono studiare (quindi allenare) efficaci strategie di adattamento ad eventi che sono imprevedibili per definizione. Perciò, quando un imprevisto si abbatte su un dato evento sportivo, minimizzarne gli effetti costituisce già di per se un successo.

Questo è ciò che è accaduto, con le dovute proporzioni, alla nostra Under 16 contro Valle Agno (e non solo in questa occasione, dal momento che l’intera stagione è stata funestata da circostanze simili). A cominciare dall’infortunio pre-gara subito da Manalo, sceso in campo per onor di firma e costretto a guardare l’intera partita dalla panchina, proseguendo con la contrattura alla muscolatura cervicale che Ortolani ha combattuto, con grande “spirito di servizio”, per tutti i quaranta minuti, per finire con il trauma al gomito destro che ha concluso anzitempo, nel secondo quarto, la partita di Motoc, la sequenza di imprevisti è stata tale da mettere a durissima prova le capacità di adattamento della squadra e del suo staff tecnico. Se ci aggiungiamo che Giovanni Bassi è stato convocato al solo scopo di proseguire il percorso di reintegro in gruppo dopo l’infortunio patito alla caviglia circa un mese fa (ed infatti è stato impiegato solo negli ultimi 5 minuti del periodo conclusivo) e che Ndongo non era disponibile per impegni familiari, il quadro appare piuttosto scoraggiante.

Eppure Ortolani e compagni non si sono dati per vinti ed è qui che la storia si fa interessante. Pur potendo contare solo su 7 giocatori “effettivi”, due dei quali non ancora in grado di stare in campo per significative porzioni di partita (Grosselle e Manzi, nuovi arrivi della stagione in corso), la squadra si è battuta in modo egregio, soprattutto dopo il poco entusiasmante primo quarto. La progressione del punteggio è piuttosto chiarificatrice: i valdagnesi hanno messo a referto 18 punti nel primo periodo, 12 nel secondo, 9 nel terzo e 8 nel quarto, a dimostrazione del crescente impegno difensivo prodotto dai nostri ragazzi, ovviamente in risposta ad una precisa richiesta dello staff tecnico. Purtroppo la sterilità offensiva, vero tallone d’Achille di questo gruppo, non ha permesso di capitalizzare il lavoro fatto nella metà campo di difesa, ma ciò non deve sminuire la prestazione dei nostri ragazzi, che hanno saputo andare oltre gli imprevisti e giocare la propria, onesta partita.

Il prossimo impegno vedrà il gruppo 2003/2004 impegnato sul parquet di Noventa Padovana domenica 19 maggio alle 11:15. Andranno valutati l’infortunio di Motoc, che purtroppo non sembra cosa da poco, e quello di Manalo, che dovrebbe, invece, essere di minor entità, ma al tempo stesso torneranno disponibili Giovanni Bassi e Ndongo, due elementi del quintetto base il cui apporto è prezioso. Ci accontentiamo di poco, basta non dover pescare un’altra carta dagli imprevisti. Se così non fosse, ce la faremo lo stesso, i ragazzi hanno dimostrato di essere superiori alla sorte.

Prua a mare, sempre! Forza Arcella!!

ARCELLA. Sguotto 1, Bassi G., Grosselle, Manalo n.e., Damiani 8, Motoc 6, Manzi, Ortolani (cap), Piran 9, Bortolazzo 7. All.re: Costantini. 1° Ass.: Ricchiuti.

VALLE AGNO: Valsecchi 4, Visonà N. 4, Stamilla 2, Nalesso 4, Tiso (cap) 12, Visonà A. 3, Miletic, Fadigato 18, Cailotto. All.: Radinotti.

Arbitri: Guranda V. & Pelizzola S.

Parziali: 8-18, 6-12 (14-30); 11-9 (25-39), 6-8.

Tiri liberi: Arcella 7/22, Valle Agno 3/10.

Tiri da 3: Arcella 0, Valle Agno 2 (Valsecchi 1, Visonà A. 1)

Falli di squadra: Arcella 11, Valle Agno 19.

Usciti per falli: nessuno.

Falli tecnici: nessuno.

Espulsioni: nessuna.