Serie D: a Paese la scintilla non scatta

  • 29 aprile 2019
  • Federico Agostini
  • 194 Views

SERIE D – 27/04/19

Con le spalle ormai quasi al muro, la D non riesce a far scattare la scintilla sul parquet di Paese, dove i padroni di casa sfruttano un break a metà del quarto periodo per mettere in saccoccia gara-1 del primo turno di play-out. Peccato, perché, nonostante le numerose ed importanti assenze (Stanflin e Sessich out per la partita, Ratti, Pranjic e Gallo praticamente indisponibili a causa di un imprevisto occorso durante il viaggio verso Paese, che ha impedito loro di svolgere il riscaldamento pre-gara), Agostini e compagni si sono ben comportati per più di 30 minuti, ribattendo colpo su colpo ai bianchi Paesani. Decisive si sono rivelate le uscite, per raggiunto limite di falli, all’inizio dell’ultimo quarto di Scovacricchi e Crescenzio, la cui indisponibilità negli 8 minuti finali ha dato la mazzata decisiva al già depauperato reparto ali.

C’è da dire che, a dispetto dello status incommentabile in cui versa il roster, la squadra non è sembrata affatto inadatta al contesto. Complice forse un po’ di emozione tra le fila degli avversari, l’inizio della partita è stato nettamente favorevole ai nostri ragazzi, che a metà del primo periodo si sono trovati a condurre per 10 a 5. Sfortunatamente lo spunto si è esaurito presto, sia perché i Trevigiani hanno sistemato qualcosa in attacco, sia perché il precoce problema di falli ha obbligato la nostra panchina a togliere dal campo elementi chiave come Agostini e Scovacricchi. Ne è scaturito un controparziale dei padroni di casa, che al suono della sirena di metà gara si sono ritrovati avanti di 5 grazie ad uno stillicidio di tiri liberi generati da nostri personali: un danno doppio per le nostre già povere casse, che ha combinato l’emorragia di punti (ben 11 dei 23 realizzati da Paese nel secondo quarto sono venuti dalla linea della carità) con il sensibile peggioramento della situazione falli, destinata a diventare decisiva con il passare dei minuti.

Eppure alla ripresa del gioco, riassettate le idee ed introdotti alcuni adeguamenti tecnici e tattici, i nostri ragazzi hanno avuto la forza di rimettere la partita in carreggiata e neutralizzare la fuga degli avversari, giocando un terzo periodo encomiabile per generosità ed impegno. Solo l’esiguità delle rotazioni, che minuto dopo minuto ha sempre più sfiancato le prime linee ed aggravato la situazione falli, ha impedito ad Agostini & co. di affrontare in modo adeguato il colpo di maglio con cui i padroni di casa hanno cercato di creare un break nel quarto periodo. Non è una coincidenza che il quinto fallo di Scovacricchi sia stato immediatamente seguito da un incremento nella produttività offensiva dei Paesani, capaci di realizzare 12 punti in un paio di minuti al traino dei 7 consecutivi di Tesser (fino ad allora difeso proprio da Scovacricchi). La successiva uscita di Crescenzio, sempre per raggiunto numero di falli, ha ulteriormente depauperato il potenziale del quintetto in campo, il cui sforzo sovrumano ha potuto produrre solo un riavvicinamento (-4 ad un minuto e mezzo dal termine, con la possibilità di tornare ad un solo possesso di distanza ripetutamente vanificata da un sanguinoso 2 su 4 ai liberi), a cui è purtroppo seguito un piccolo crollo negli ultimi secondi, con Russo a scorrazzare libero tra i resti della nostra ormai esausta difesa.

Con la sconfitta di gara-1 si azzerano le seconde possibilità per la nostra prima squadra, che ora si vede costretta a vincere due partite di fila per mantenere viva la speranza di guadagnarsi la salvezza. Domenica prossima, 5 maggio, alle 19:15 la Barion sarà teatro di quella che potrebbe essere l’ultima gara della stagione. Il “popolo” Arcellano è chiamato, metaforicamente, alle armi: serve l’aiuto di tutti i nostri tifosi per spingere Agostini e compagni oltre un ostacolo che sembra insuperabile e verso un obiettivo che, tuttavia, è ancora possibile. La mamma non ha ancora buttato la pasta, facciamoci trovare pronti.

Prua a mare, sempre! Forza Arcella!!

SITA BASKET 2000 PAESE 68

IN’S MERCATO U.S. ARCELLA 59

PAESE: Zanatta 3, Russo 10, Baseggio n.e., Pozzebon 3, Baliviera 7, Butera 4, Nasato (cap.) 10, Lembo, Tesser 11, Grani 7, Danesin 13. All.re: Balzan. 1° Ass.: Venturin.

ARCELLA: Agostini (cap.) 9, Ratti n.e., Quaglia 3, Pietrogrande n.e., Pranjic, Castiglioni L. 6, Crescenzio 8, Gallo D. n.e., Agyeman 2, Gobbo A. 26, Scovacricchi 5, Bassi P. n.e.. All.re: Costantini.

Arbitri: Bozzetti M. & Battistel F.

Parziali: 13-11, 23-20 (36-31); 10-15 (46-46), 22-13.

Tiri liberi: Paese 23/32, Arcella 6/13.

Tiri da 3: Paese 5 (Danesin 3, Russo 1, Tesser 1), Arcella 1 (Scovacricchi).

Falli di squadra: Paese 19, Arcella 26.

Usciti per falli: Scovacricchi e Crescenzio (Arcella).

Falli tecnici: nessuno.

Espulsioni: nessuna.